Ricordi di un estate.. in Spagna

Ricordi di un estate in Spagna..

Tanti, troppi gli anni ormai trascorsi da quel viaggio lungo due settimane in Spagna, forse la nostra prima vera e propria vacanza insieme, un’odissea in pullman nel nord del paese con partenza dall’Italia ed un viaggio quasi interminabile ricco però di luoghi, di vita, e di scoperte.

ricordi di un estate

Nonostante il tanto tempo passato seduti sui sedili a guardare fuori dal finestrino in realtà del viaggio ci ricordiamo ben poco, mentre al contrario i luoghi e le città visitate sono ancora ben vivide nei nostri ricordi.

san sebastian spagna

Prima tappa: San Sebastian, una città elegante frequentata un tempo dall’aristocrazia spagnola, e che conserva anche oggi nei boulevard ricchi di caffé e ristoranti uno stile Belle Epoque. Questa località balneare di alto livello incanta con i suoi negozi di lusso, le sue architetture, e le strette e tortuose vie del centro storico ricche di taverne e piccoli locali sempre aperti. Se a questo mosaico si aggiunge la fortuna di essere presenti nel bel mezzo della Semana Grande, dove si susseguivano spettacoli giornalieri di fuochi d’artificio e sfilate, e di aver trovato giorni meravigliosi per poterci godere il mare (o meglio l’oceano), andare via è stato davvero difficile.

mura di avila

E così eccoci di nuovo in viaggio in direzione Avila, splendida città che sorge su di un alto colle a più di mille metri d’altezza e che a prima vista risulta grandiosa grazie alla sua poderosa cinta muraria completamente integra e affascinante. Qui abbiamo fatto solo una sosta, sufficente però per poter percorrere l’intera cinta muraria in una particolare atmosfera medioevale.

Madrid

Più ci avvicinavamo a Madrid e più afa e caldo ci facevano letteralmente sudare, ma tutto questo è ovviamente passato in secondo piano alla vista della capitale spagnola, una città senza un vero e propio landmark, ma proprio per questo tutta da scorpire in quanto ad ogni angolo sorgono luoghi capaci di sorprendere con la loro bellezza o particolarità.

plaza mayor

Qui oltre all’Escorial, bellissimo palazzo edificato da Carlo V che sorge a poca distanza, innumerevoli sono i monumenti degni di nota, a cominciare dalla Plaza Mayor, enorme piazza principale ad arcate, e tutto il centro storico dei dintorni, le numerose chiese che sorgono ovunque, i parchi cittadini grandi e curati che un pò di sollievo ci hanno dato dagli oltre 40 gradi giornalieri, che di poco diminuivano la notte, il museo del Prado e le sue opere, il Palazzo reale, la zona moderna. Un insieme di attrattività difficilmente elencabili nella loro totalità, ma che ben ci hanno accompagnato nei lunghi giorni di permanenza in questa meravigliosa città, giorni ricchi di scoperte, di vita e movimento.

citta di toledo

Vista la distanza non eccessiva ci siamo concessi anche una visita giornaliera a Toledo, antica capitale e centro politico spagnolo oggi divenuta città museo ricca di monumenti interessanti data dall’unione delle culture di tre diverse religioni, cristiana, ebrea e islamica, tutte e tre degnamente rappresentate e fuse insieme nell’architettura locale.

Avvicinarsi è quasi magico, vedere questa città che si innalza su uno sperone roccioso delimitato per tre quarti da un profondo canyon scavato dal fiume Tago lascia i brividi, ed osservando e visitando così una città storica, con i suoi simboli come l’Alcazar, la Cattedrale, gli stretti vicoli, le porte e le architetture pare di fare un viaggio nel passato.

saragozza monumenti

L’ora di partire ormai era arrivata, e con l’autobus ormai diventato un luogo familiare ci siamo nuovamente lanciati dall’entroterra spagnolo verso il mare, non prima però di aver fatto tappa a Saragozza. Una tappa necessaria solo per dormire, ma che ugualmente ci ha regalato una breve ma suggestiva vista notturna della sua parte più centrale e monumentale, come fossimo in una cartolina.

monastero montserrat

Ripreso il viaggio, dopo una breve sosta per visitare il Monastero di Montserrat, un luogo davvero particolare e curioso contorniato da montagne confprma particolare, eccoci giungere alla nostra ultima tappa, Barcellona.

Città ricca ed elegante ci soprende per la sua vivacità, innumerevoli infatti le persone presenti in ogni dove ad animarla, turisti, visitatori o gente del luogo tutti contribuiscono a darle un aura di modernità, e tutto grazie anche all’incessante offerta di cultura, cibo, moda, musica e divertimento.

ramblas

Dove potevamo cominciare se non da una passeggiata lungo le Ramblas, le famose strade pedonali ricche proprio di tutto quello che abbiamo appena detto, un ottimo modo insomma per farsi un’idea della città e di tutta la sua offerta. Instancabili non ci siamo persi nulla nemmeno della città vecchia, o centro storico, ricco di testimonianze di una città che ha saputo evolversi nel corso dei secoli, rimirabile anche dall’alto del Montjuic.

sagrada familia barcellona

Ma Barcellona è anche Gaudì, e quindi impossibile non visitare o almeno vedere le sue più famose opere come le case, il parco e la Sagrada Familia, ancora incompiuta. Oltre a questo, alla storia e alla cultura troverete anche il mare, e un pò per completare questo nostro passaggio da Atlantico a Mediterraneo, nonostante il poco tempo a disposizione abbiamo trovato il modo di bagnarci almeno i piedi.

gaudi barcelona

Questa particolare città ha reso memorabili gli ultimi giorni del nostro viaggio, giorni che a causa dell’intensa vita notturna quasi non avevano fine, ma poi il tempo di tornare è arrivato, e risaliti sul nostro potente mezzo di trasporto siamo infine ritornati a casa, stanchi, ma con tante meraviglie ancora vivide nella nostra mente.

Precedente Tour Eiffel Successivo Murad Osmann, il fotografo viaggiatore